21 febbraio – Il manager che ha visto sparire la sua azienda

Anno venti. Del 1998 è rimasta solo l’auto. Mercedes Nuova Classe S Berlina. Non è la stessa di 20 anni fa. Così come gli anni. Erano 53, sono 73. Ma la forma va salvaguardata. Auto nuova, ogni anno. E sono 20. Berline. L’azienda? Nessun nome, nessun riferimento. Si può dire solo che è Genova. Nulla di più.

E che ci parliamo a fare? E’ uno sfogo e non sa nemmeno perché lo fa.

Ogni giorno da 20 anni varca i cancelli dell’azienda. Un’azienda non sua, ma parte di un gruppo saldamente in mano italiane, un gruppo di famiglia. Gruppo chiuso. Molto.

20 anni fa c’era il guardiano. Oggi preme indifferente, sbagliando sempre più spesso, uno dei tasti del telecomando del cancello. Doppio cancello. Il secondo si apre quando il primo si chiude. Ha risparmiato uno stipendio, anzi di più perché l’estate e durante le ferie doveva prendere qualcuno della vigilanza privata. Lascia l’auto. Parcheggio semivuoto. Deserto e silenzio.

Cielo cupo. Venti anni fa il mondo che girava intorno a questo capannone valeva cento, ora vale meno di 17. E perde il 15 per cento del fatturato. I dipendenti: 20 diretti, indiretti, interinali. Boh. Ma non diamo numeri precisi. Per carità. La forma.

“E’ andata peggio, andrà peggio”. Filosofia del declino. In sottofondo un pc ansima. Se avesse un’anima vorrebbe esalare l’ultimo respiro. Anche le macchine hanno diritto a un fine vita dignitoso. Dieci anni fa magari era anche un buon pc. Ha l’età e non la fatica. E mail, browser, qualche testo. Dieci anni ingloriosi per una macchina che avrebbe aspirato al Cad. Del resto qua si progettava. Si facevano barche. E che barche.

La crisi? Le tasse? “Il mercato è cambiato, siamo rimasti dentro perché abbiamo un piccolo monopolio”. Ah il monopolio, la malattia del finto capitalismo del Belpaese.

“Piccolo”, non perché la malattia del monopolio sta guarendo, ma perché i clienti che avevano il prodotto, quello bello e famoso che aveva sfondato, sono sempre più vecchi, non vanno più per mare e i gusti dei loro eredi sono diversi.

Il futuro: 4 o 5 anni. E questi 20? Prendiamoci un caffè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *